Il Baito e la Giassàra del Modesto

Roverè Veronese
vicino a Contrada Pazzocco, IT 37028 Roverè Veronese
Importante esempio di architettura cimbra, il Baito del Modesto con annessa ghiacciaia, ben rappresenta il sapiente utilizzo della pietra in Lessinia.

Il Baito del Modesto è un piccolo edificio rurale, usato in passato come stalla, con annessa ghiacciaia, denominata appunto la “giassàra del Modesto”, che vennero costruiti tra la fine dell’ottocento e i primi del novecento dal contadino-tagliapietra Modesto Paggi.

La particolare conformazione della stalla non fa altro che testimoniare come gli antichi costruttori sapessero sapientemente utilizzare la pietra e il legno, ossia le materie prime presenti in loco. Il manufatto, in particolare si innalza con la sovrapposizione di enormi lastre di pietra in piedi e sfrutta l’idea della costruzione lignea per legare tra di loro i monoliti lapidei, ossia lastre in rosso ammontico.

La stalla del Modesto – recentemente inclusa nel Premio Internazionale Architetture di Pietra di Marmomacc – rappresenta quindi una sorta di esempio della maestrìa lessinica nell’uso della pietra, che ricorda l’incastro d’angolo dei tronchi nelle costruzioni di montagna.

Come arrivare: il sito si trova tra l’antica contrada Pazzocco e la contrada Sartori nel comune di Roverè Veronese; seguendo le indicazioni per San Francesco, all’altezza della località Gardun si seguono le indicazioni per le contrade suddette e per la stalla del Modesto, imboccando il primo sentiero a destra.



POSIZIONE
altre cose da vedere | edifici storici | escursioni | storico
Escursioni | Lessinia | Storia
SEARCH